> Isole Pelagie - Lampedusa e Linosa - Isole Pelagie - Lampedusa e Linosa
Isole Pelagie - Lampedusa e Linosa

"ISOLE D'ALTO MARE"

 

 

 

Le Isole Pelagie, le "Isole d'alto mare", come le definì lo storico greco Erodoto, sono l’arcipelago più meridionale d’Italia e, se da un punto strettamente amministrativo le Pelagie appartengono alla provincia di Agrigento, osservando una carta geografica ci si può accorgere come queste isole siano più vicine alla costa nordafricana che alla stessa Sicilia. In effetti Lampedusa dista da Porto Empedocle 120 miglia, mentre dalla costa Tunisina solamente 60 miglia.

L'arcipelago è costituito da due isole maggiori Lampedusa, Linosa e dallo scoglio di Lampione. Sono isole diversissime tra loro. Lampedusa – più vicina alla costa della Tunisia che a quella della Sicilia – e lo scoglio di Lampione, fanno parte della piattaforma continentale-africana. Linosa è invece la punta emergente di un vulcano estinto. La più famosa è sicuramente Lampedusa, circondata da un mare spettacolare, dalle incredibili sfumature che vanno dal trasparente, al turchese, al verde smeraldo, al blu. Oggi Lampedusa e Linosa sono un punto di riferimento irrinunciabile per gli amanti del mare. L’acqua cristallina delle Pelagie dai colori cangianti in tonalità che passano dal verde, al turchese, all’ azzurro, al blu intenso, è l’ambiente preferito da tutti gli appassionati di pesca subacquea. Gli incontri con la variopinta fauna marina nel policromo habitat incontaminato dei fondali del Mediterraneo, le spiagge con la sabbia dorata, le cale create nella roccia nel corso dei secoli dall’infrangersi delle onde del mare, il fascino selvaggio della terra, hanno reso celebri questi siti facendoli diventare luoghi irrinunciabili per una vacanza indimenticabile.

Per raggiungere le Pelagie e scegliere di soggiornare a Linosa o Lampedusa è possibile arrivare alla propria destinazione per via mare o attraverso i frequentii collegamenti aerei. Se si viaggia con un mezzo proprio, è necessario arrivare a Porto Empedocle, l’antico molo di Agrigento che dista appena sette chilometri dal capoluogo. Da qui è possibile imbarcarsi sul traghetto che collega giornalmente, salvo maltempo o giornata di riposo, la costa agrigentina con le Pelagie. Si parte alle ore 24,00 per raggiungere il porto di Linosa intorno alle 7,00 del mattino. Dopo una sosta di circa 40 minuti necessaria per effettuare le operazioni di scarico, si riprende la navigazione, con arrivo a Lampedusa intorno alle ore 8,30.

Per il ritorno invece la partenza è programmata da Lampedusa ogni mattina alle ore 10:30 con arrivo a Porto Empedocle intorno alle ore 18:00.

Da luglio a settembre il collegamento tra le Pelagie e la Sicilia è assicurato anche da veloci aliscafi che, sempre con partenza da Porto Empedocle, coprono il percorso di 120 miglia in meno di 4 ore. 

 

 

LAMPEDUSA

  

 

  Per conoscere l’isola e visitarne tutte le cale e le spiagge raggiungibili via terra, è indispensabile avere un mezzo di trasporto, pertanto se non siete arrivati in auto o in moto, consigliamo di noleggiare sul posto un mezzo che vi consenta autonomia di movimento. Per approfondire la conoscenza di Lampedusa si può iniziare dal paesino, baricentro di tutta l’isola. Lasciata la zona portuale, a poche centinaia di metri si trova il salotto cittadino costituito dalla centralissima via Roma. In questa strada abbastanza ampia e lunga sono ubicati i bar, i pub, e i vari negozi dove è possibile fare shopping di ogni genere. Punto di riferimento fondamentale tra i turisti poco distante dalla zona centrale, il Comune con la torre dell’orologio e la chiesa madre. Nella centrale Piazza della Libertà si può ammirare l’obelisco realizzato dall’artista Arnaldo Pomodoro e dedicato ai caduti di tutte le lotte per le cause giuste.

 In Giro per l'isola di Lampedusa

Escursioni - giro in barca a Lampedusa

 

 

LINOSA

 

 

Linosa, bella, nera di roccia lavica, staglia il profilo dei suoi tre monti contro il cielo azzurrissimo. L'unico centro abitato si raccoglie intorno al porticciolo dello Scalo Vecchio ed è caratterizzato da graziose costruzioni disposte in fila una accanto all’altra, pitturate lungo gli spigoli, le porte e le finestre in colori molto vivaci come giallo, rosso, azzurro, blu, verde. Spostando lo sguardo un po’ oltre, ci si accorge come tutto - dal colore delle case al verde delle coltivazioni, all’azzurro del mare - contrasti con il nero della roccia vulcanica. E’ una cartolina che emoziona e fa capire la dimensione, il contesto, l’atmosfera del luogo. Se vi capiterà appena arrivati di dovere chiedere informazioni su dove alloggiare o altre indicazioni in genere, allora vi accorgerete dell’immediata disponibilità e sollecitudine dei linosani a risolvere ogni vostra esigenza. Se per i siciliani l’ospitalità è un elemento sacro e imprescindibile per i linosani lo è ancora di più. Qui il turista è trattato non come ospite ma come uno di famiglia, un parente arrivato da lontano a cui si offre tutta l’ospitalità possibile.

Chi sceglie di passare una vacanza a Linosa sprofonda in una realtà completamente diversa dai caotici luoghi di villeggiatura dove, a volte, forse è più facile stressarsi che rilassarsi. Dove le spiagge sono dei veri carnai e i lungomare simili a rumorose esposizioni di auto e moto. Qui non esiste nulla di tutto questo.  A Linosa, da giugno a settembre, ai non residenti, non è permesso sbarcare auto e gli unici mezzi che i turisti possono portare sull’isola sono le bici e le moto. Pertanto prima dell’imbarco consigliamo di lasciare l’auto a Porto Empedocle in uno dei tanti posteggi custoditi nei pressi del porto. Ai motociclisti è bene ricordare che a Linosa non esistono stazioni di servizio quindi prima di partire è indispensabile fare il pieno di carburante. Se però scegliete di arrivare senza mezzo al seguito, per i vostri spostamenti sull’isola non avrete problemi. Per raggiungere le vostre mete potrete noleggiare sul posto uno scooter, o farvi accompagnare a bordo di qualche trattorino con annesso rimorchio, o con una più comoda motoape. Il diversivo è assicurato, e il guidatore vi farà da cicerone.

Il cuore pulsante di tutta l’isola è costituito dalla zona di attracco del traghetto.

Le due vie principali dove sono ubicati anche i pochi negozi dell’isola e l’ufficio postale, sono la via Re Umberto e la via Alfieri. La prima si snoda dallo scalo vecchio sino ad arrivare alla casa della rappresentanza municipale. Da qui la seconda si allunga verso l’area interna dell’isola in direzione di Monte Vulcano.

Linosa è una terra magica tutta da scoprire. Le escursioni nell’interno vi riveleranno i segreti di questo territorio, la circumnavigazione dell’isola in barca vi regalerà la visione dal mare delle numerose cale che impreziosiscono una costa di selvaggia bellezza.

In Giro per l'isola di Linosa

Escursioni - giro in barca a Linosa

 

 

LAMPIONE

 

 

 

 COME ARRIVARE

 VEDI LE STRUTTURE COLLEGATE 

Notti
1